Mamma in cantiere

Buonanotte prima dell’asilo

doll-583815_1280Buonanotte bimba mia. Dormi bene, perché domani sarà una giornata speciale: ti accompagnerò per la prima volta all’asilo, quella scuola di cui tanto abbiamo parlato, ma che comprenderai davvero solo da domani in poi. Indosserai quel grembiulino a quadretti che da settimane aspetta bello stirato nell’armadio insieme alle pantofole il giorno giusto per essere indossato (e meno male che non ti sei allungata ancora nel frattempo).

Dormi bene, domani scompiglieremo i tuoi ricciolini correndo fuori casa, e pazienza se le altre bimbe saranno composte e pettinate, sei tanto bella così scarmigliata e sorridente.

Dormi bene, domattina stringerò la tua manina sperando che la tirerai via dalla mia per correre a giocare con i tuoi nuovi compagni. Cercheremo insieme il tuo armadietto e la tua classe (mamma e papà hanno già esplorato l’asilo per sceglierlo, ma lo rifarò con te perché ti diventi famigliare). Conoscerai la tua maestra, il primo adulto estraneo alla famiglia a cui affiderò mia figlia, pertanto una persona importantissima sia per te che per me.

Dormi bene; spero che il tuo fratellino starà buono lasciandoti riposare questa notte, domani permettendoci di vestirti e salutarti senza fretta e magari regalandoti uno dei suoi sorrisoni sdentati, quasi a dirti “vai avanti tu, che mi aprirai la strada”.

Se l’insegnante del corso di cucito che ho frequentato lo scorso anno vedesse come sto attaccando l’etichetta sul tuo bavaglino, mi pregherebbe di non dire che la conosco, ma confido che tu non vedrai la differenza tra queste e i corredini perfettamente ricamati dei figli di mamme più abili di me, e ti assicuro di averci messo lo stesso impegno e lo stesso amore.

Dormi bene piccola, perché SEI piccola e non crescerai da un giorno all’altro entrando all’asilo; anzi, immagino che così come mi sei sembrata improvvisamente lunga e grande quando è arrivato il tuo fratellino, tanto ti vedrò di nuovo piccina con lo zainetto in spalla.

Dormi bene tu, mentre io fingerò di rigirarmi perché ho caldo/freddo/sete invece di avere tremila pensieri che si rincorrono, tutti dedicati a te e tutti che mi bagnano gli occhi per la commozione (ma ti prometto di non piangere, te lo dico da settimane che l’asilo è una cosa bella!).

Dormi bene prima dell’asilo, e prima di qualunque novità che ti farà crescere. Papà ed io siamo qui, a vegliare sui tuoi sogni e soprattutto sulla realtà, anche se non potremo stare in classe con te (e meno male, non sarebbe giusto!). A domani!!